Visita alla mostra “Andrea Mantegna. Rivivere l’antico, costruire il moderno”

La mostra dedicata ad Andrea Mantegna è un’opportunità per immeggersi nella bellezza di palazzo Madama e ci porta immediatamente indietro nel tempo.

Grazie alla precisa guida di Paola Savio dei servizi didattici e museali abbiamo ripercorso l’affascinante vita del pittore ma anche le relazioni con le corti del tempo, la politica, le personalità e anche la cultura e lo spirito del tempo. I pezzi su cui ci siamo soffermati ci hanno affascinato per la delicatezza, i tratti e la maestria che dimostravano. Il cavallo di Donatello, le stampe di Mantegna, i ritratti che riprendono il gusto dell’antica Roma…ci siamo abbandonati ai paesaggi e alle raffigurazioni e ci siamo riempiti gli occhi e il cuore di bellezza.

Al termine della mostra, un gradevole “terzo tempo” nella caffetteria del museo ci ha consentito di scambiarci opinioni e commenti: è sempre vero: stare in mezzo al bello ci fa stare bene!

Visita alla mostra “Hiroshige, Hokusai, Hasui”

La mostra che siamo andati a vedere alla Pinacoteca Agnelli ha come sottotitolo “Viaggio nel Giappone che cambia” e ci ha trasportato in un mondo magico e delicato. Abbiamo scoperto paesaggi invernali, notturni magici, marine affascinanti che ci hanno rapito e incantato. Grazie ad un video molto ben dettagliato, abbiamo anche scoperto i segreti dei maestri incisori e poi ci siamo persi ad osservare i dettagli delle armature, delle abitazioni, dei vestiti delle donne. Un mostra affascinante, una bella occasione per scoprire suggestioni artistiche differenti da quelle cui siamo più abituati!

Professione Reporter: il talk show

Il grande giorno della registrazione del talk show è finalmente arrivato: tutti i mesi di preparazione e allenamento vengono messi a frutto!

La prima ospite che è stata intervistata è Sonia Tavarone, una delle referenti del progetto CeloCeloFood (per maggiori informazioni sulla loro attività: https://celocelo.it/food)

Nello studio di registrazione di Cinedumedia, coordinati come sempre dal nostro referente Lorenzo Denicolai, con il supporto di Ilaria Monticone e la guida tecnica di Pino Polacchi, i nostri amici afasici hanno iniziato a testare il canovaccio che era stato predisposto. Teresa ha fatto da moderatrice, dando la parola all’uno o all’altro dei nostri amici ormai “esperti”: all’inizio l’emozione era tangibile, poi la dolcezza di Sonia Tavarone e l’interesse verso il progetto che ci stava raccontando hanno preso il sopravvento e poco per volta l’atmosfera si è riscaldata e tutti hanno iniziato a domandare e a parlare in modo più naturale. Al termine dell’intervista sembrava che ciascuno dei presenti avesse da sempre partecipato a talk show!

Dopo una pausa di riposo e ristoro è arrivato il nostro secondo ospite, Antonio Castagna, formatore manageriale particolarmente esperto di tematiche relative all’economia circolare, ottimo divulgatore e tra i fondatori del Tavolo del riuso (per maggiori informazioni, questo è il link: http://tavolodelriuso.it/

Antonio Castagna ha spiegato in modo estremamente chiaro e comprensibile l’economia circolare, chiarendoci un sacco di dubbi e aprendo degli spunti di riflessione davvero interessanti e importanti anche sul nostro comportamento e sul contributo che ogni individuo può portare per migliorare l’impatto ambientale. I nostri amici, ormai “caldi”, hanno aggiunto diverse domande a quelle previste dal nostro copione e sicuramente sarebbero andati avanti ancora a lungo…ma ad un certo punto abbiamo dovuto concludere le riprese, altrimenti il talk show sarebbe diventato un documentario…chissà, magari un’altra volta….

Adesso la parte più difficile del nostro lavoro è stata brillantemente superata, ma ci restano ancora diversi passaggi: ve li racconteremo, come sempre, mano a mano.

Professione Reporter: le ultime prove

Si avvicina velocemente il momento delle riprese del nostro talk show e si intensificano le prove. Siamo consapevoli che quando partirà il ciak non ci potrenno essere stacchi, dovremo lavorare “come se” fossimo in diretta…e questa consapevolezza ci emoziona, ma ci mette anche un po’ di ansia.

Così stiamo aggiungendo spazi extra per prepararci, ripetendo la sequenza delle domande, provando ad improvvisarne altre, riprovando come darci la parola e come cederla….certo che ci piacciono davvero le cose difficili!

Ma siamo tipi tosti e testardi, e con i nostri copioni ben saldi in mano, leggiamo, ripetiamo e riproviamo!

Visita alla mostra Aletheia

La nostra storia di amicizia e affetto con la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo risale ormai a parecchi anni fa. Ogni volta che varchiamo quella soglia, veniamo presi per mano e portati in un mondo per noi inimmaginabile, in cui facciamo sempre nuove scoperte.

Questa volta, la mostra “Aletheia” di Berlinde De Bruyckere l’abbiamo visitata insieme alla danza terapeuta Elena Maria Olivero, che ci ha condotto con movimenti e musiche all’interno di questo mondo.

In alcuni momenti, Anna Maria Cilento ci ha aiutato come sempre a entrare nel mondo dell’artista, rendendoci viva l’installazione e la poetica che l’ha generata; le riflessioni e i movimenti accompagnati dalla musica ci hanno fatto vivere un’esperienza unica e indimenticabile. Le arti si fondono e parlano al cuore, spesso senza bisogno di parole.

Le immagini della nostra gallery ve lo mostrano. Un grazie particolare alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo che ci accoglie riservandoci ogni volta delle esperienze strepitose.

L’Udienza generale dal Santo Padre

Quale migliore augurio per questo Natale che donarvi un po’ delle emozioni che abbiamo provato recandoci all’Udienza Generale del Santo Padre, Papa Francesco?

Si è trattato di un’esperienza unica, che ci ha consentito di riflettere non solo sul Natale e sul momento che siamo vivendo, ma che ci ha fatto riflettere anche su noi stessi e sui nostri cari.

Condividiamo alcune delle foto, sperando di trasmettervi un po’ della nostra gioia…e Felice Natale a tutti!!!

Casa Aita: le card di Natale

Uno degli obiettivi di Casa AITA è quello di poter condividere con i soci, gli amici afasici, i caregiver ma anche semplici curiosi delle esperienze di vario tipo, cercando di dare spazio anche agli hobby e alle competenze che i nostri soci sentono di voler condividere.

Questa volta è stata Valentina a mettersi in gioco, condividendo la sua passione dello Scrapbooking: un hobby che porta a lavorare con carta, pitture, timbri, stecil e decorazioni per realizzare vari prodotti, dai mini album per le fotografie, ai quadretti, cornici e naturlamente anche i bigliettini.

Abbiamo quindi dedicato i due incontri che si sono svolti a casa AITA alla realizzazione di biglietti natalizi: per alcune ore i nostri amici e le nostre amiche si sono “sporcati le mani” per ritrovarsele piene di colori e spesso anche di glitter, paillettes e brillantini…ma alla fine il tempo è volato via velocissimo, la soddisfazione e la gioia sono state tante e ognuno ha portato a casa con sè le carte realizzate con le proprie mani: tutto questo è Casa AITA! Venite a trovarci anche voi!

Visita alla mostra Art Nouveau

Andare alla Reggia della Venaria vuol dire recarsi in un luogo magico e di grande impatto…se poi l’occasione è quella di visitare la mostra dedicata all’Art Nouveau, allora si compie quasi un salto nel tempo!

Grazie ad un’ottima guida, siamo entrati di colpo nel mondo degli anni venti, scoprendo artisti, manufatti, storie famigliari e tante figure di donne di una modernità affascinante! Nelle foto della gallery che potete scorrere qui sopra, ci sono anche alcuni dei reperti in esposizione che rendono l’idea della bellezza e del fascino in cui ci siamo addentrati per qualche ora.

Visita al museo MACA

Le nostre visite mensili dedicate alle mostre e ai Musei cittadini spesso ci conducono in luoghi d’arte. Questa volta, per dare soddisfazione anche agli spiriti più scientific, abbiamo deciso di andare a visitare il MACA, Museo dedicato all’ambiente. Ci sono varie tematiche e noi per la nostra prima visita, abbiamo deciso di dedicarci al piano che parla dell’acqua.

Abbiamo visto filmati sui mari, sullo stato delle acque, abbiamo imparato mole cose interessanti sull’acqua che esce dai nostri rubinetti e sul perchè sia la migliore acqua da bere, abbiamo anche confrontato il peso del nostro corpo per capire quanta parte è composta di acqua.

Per completare la visita, abbiamo assistito a una serie di esperimenti, tutti con l’acqua come denomionatore. Abbiamo toccato con mano che anche la scienza può essere estremamente affascinante, coinvolgente e divertente anche per chi non è esperto nella materia e…torneremo sicuramente al MACA a vedere cosa hanno in serbo gli altri piani per noi!