Visita alla mostra “Noi – Non erano solo canzonette”

Il mese di maggio lo abbiamo dedicato a una visita culturale che in una sola parola possiamo definire SORPRENDENTE.

Siamo andati alla Promotrice alla Belle Arti a Torino dove si trova la mostra temporanea “Noi – Non erano solo canzonette”, che ci racconta la storia recente dell’Italia usando come filo conduttore la musica leggera e le canzoni di successo, partendo da “Volare” per arrivare fino a “Vado al Massimo”.

In una serie di sale che contengono dei totem con le cuffie per ascoltare le canzoni, oggetti particolarmente significativi dell’epoca che si racconta e, alle pareti, fotografie o filmati, abbiamo percorso la storia dell’Italia partendo dagli anni del boom economico per attraversare l’immigrazione al Nord, lo sviluppo dell’industria, l’avvento dei giovani e delle loro rivendicazioni, il femminismo, gli scioperi, le stragi e il terrorismo, gli anni 80… il viaggio che abbiamo attraversato è stato soprattutto un viaggio dentro noi stessi.

In ogni canzone, oggetto, ambientazione, ci aspettavano i ricordi: nostri, dei nostri genitori, famigliari, amici: le emozioni ci hanno preso per mano e ci hanno trasportato in un saliscendi di commozione, entusiasmo, amarcord…nelle varie sale abbiamo ballato, cantato, ci siamo commossi. Quel che è certo è che visitare questa mostra è stato come utilizzare la macchina del tempo, e alla fine eravamo tutti entusiasti.

Ovviamente raccomandiamo molto la visita a tutti gli amici che non erano con noi, la mostra resterà a Torino fino al 7 luglio!

Visita alla mostra dei Macchiaioli

Le nostre visite mensili in giro per la città ci conducono spesso a visitare le mostre. Recandoci alla Gam di Torino per la mostra dei Macchiaioli, abbiamo colto l’opportunità di svolgere un interessante laboratorio, diventando per qualche ora tutti macchiaioli…magari non diventeremo famosi, ma di sicuro ci siamo divertiti e abbiamo colto lo spirito dell’epoca. Per condividere un po’ della nostra esperienza, fate scorrere le fotografie e buona visione!

Visita alla Fondazione Merz

La nostra città, Torino, è ricca di spunti e di luoghi di interesse: ogni volta riusciamo a dedicarci a musei, mostre o luoghi che non avevamo mai esplorato. Il mese di Novembre abbiamo deciso di dedicarlo a una Fondazione dove nessuno di noi era mai stato prima: la Fondazione Mario Merz.

La visita è stata molto interessante e ci ha affascinato, a partire dal luogo che accoglie la Fondazione: la ex centrale elettrica della fabbrica delle automobili Lancia.

La nostra guida, Tecla, ci ha introdotti alla figura di Mario Merz e al suo ruolo di intellettuale e poi ci ha portati nel mondo del Kosovo, luogo di origine dell’artista in questo momento in mostra temporanea, Petrit Halilaj Shkrepetima.

La mostra ci trasporta in un mondo magico e immaginario fatto di uccelli fantastici che fanno realizzare i sogni e di storie, alcune tristi e altre invece a lieto fine, rappresentate attraverso oggetti e istallazioni.

La prima storia rappresentata racconta di due donne che filano la lana e che scopriamo essere mamma e figlia: la figlia piange il suo amore che non diventerà mai suo marito, la mamma le dice che solo l’odio le farà trovare la pace. La seguente è la storia di una maestra che insegna l’alfabeto alle bambine e che spiega loro come leggere e scrivere sia una conquista cui non devono rinunciare mai, ma proprio mentre fa la sua lezione arrivano i soldati e la portano via, perche’ non puo’ insegnare alle bambine…

La terza storia è quella di una donna rimasta vedova che per non morire di fame decide di diventare un uomo, e di fronte alla legge e tutto il suo villaggio cambia i vestiti e il suo nome per sempre, assicurandosi la sopravvivenza anche a scapito della propria identità. Nell’ultima storia ci addentriamo in una festa di matrimonio in cui arrivano degli uomini per uccidere lo sposo e compiere la vendetta di una lunga faida familiare, ma poichè si scopre che lo sposo era in realtà amico del loro figlio morto, i due sicari decidono di interrompere la vendetta e si mettono a festeggiare insieme agli sposi.

La visita ci ha fatto scoprire un mondo molto ricco di immagini e di tradizione; al termine abbiamo anche assistito alla proiezione di un video in cui è possibile vedere l’allestimento originario in Kosovo della mostra appena visitata.

Una mattina piena di emozioni e di bellezza, che ci conferma ancora una volta quello in cui crediamo da sempre: stare in mezzo al bello ci fa stare bene! alla prossima visita!

La visita al Museo Lavazza

Ricominciare le nostre visite culturali con un museo tutto nuovo è come avere un regalo da scartare…quando poi si tratta di un museo allegro e divertente come il Museo Lavazza, la mattina diventa un bellissimo momento di condivisione e di allegria!

Abbiamo visitato in autonomia le varie parti del museo, ognuno col suo ritmo, ma confrontandoci, divertendoci e provando insieme a fare tutti i vari intrattenimenti proposti. Si parte dalla storia della famiglia Lavazza, si percorrono tutte le fasi di crescita delle piante di caffe’, si scoprono selezione, tostatura e confezionamento e poi si arriva nel fantastico mondo della pubblicità, in cui il divertimento è assolutamente garantito. La visita si conclude con la degustazione di alcuni prodotti realizzati col caffè…come vedrete dalle foto siamo tutti felici e sorridenti: come continuiamo a dire, la cultura fa bene! Vi aspettiamo il mese prossimo per fare insieme a noi una nuova visita!

La visita di Settembre

Settembre per noi è un po’ come l’inizio dell’anno e di tutte le nuove attività, comprese le nostre visite culturali mensili…vorremmo quindi proporre una nuovissima destinazione, per iniziare al meglio: vi proponiamo il

MUSEO LAVAZZA

VENERDI’ 28 SETTEMBRE ALLE ORE 10.30

Il museo si trova in Via Bologna 32/A. L’ingresso è gratuito per i disabili e per i loro accompagnatori.

E’ necessario segnalare la propria partecipazione con una mail a: progetti@fondazionecarlomolo.it

entro il lunedi’ 24 settembre.

Visita alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

La visita alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo è sempre un’esperienza coinvolgente e appassionante: l’accoglienza della Fondazione e della nostra cara amica Anna Maria ci fa subito sentire come se tornassimo a casa. Volevamo con questa mostra salutarci prima dell’estate e siamo stati davvero contenti di scoprirci ancora numerosi in città e pronti a sfidare il caldo, per passare una mattina insieme, tra noi e con l’arte che ci accompagna e ci rallegra.

La mostra ci ha presentato e raccontato molte storie, alcune strane, altre molto dolci, tutte estremamente interessanti. Al termine, eravamo cosi’ contenti che ci siamo anche concessi un pranzo nella moderna caffetteria della Fondazione.

Ci siamo salutati con l’augurio e la speranza di vederci in autunno…e di essere sempre di piu’! Perche’ stare insieme al bello fa stare bene!!!

Visita alla mostra “Frank Horvat. Storia di un fotografo”

Il Polo dei Musei Reali a Torino comprende Palazzo Reale, la Galleria Sabauda, l’Armeria Reale, il Museo di Antichità, la Biblioteca Reale, i Giardini Reali, la Cappella della Sacra Sindone e le sale di Palazzo Chiablese, adiacente a Palazzo Reale.

Proprio nelle sale di Palazzo Chiablese siamo andati a visitare la bellissima mostra di fotografie intitolata “Frank Horvat. Storia di un fotografo”. La nostra amica Daniela Trunfio, esperta del mondo fotografico e dei suoi segreti ci ha accompagnato facendoci da guida. Siamo rimasti molto coinvolti e affascinati dalle belle fotografie e dal modo di raccontare il mondo di Horvat. Anche le due sale che presentano parte della sua collezione privata di altri fotografi ci hanno davvero impressionato.

Il gioco che abbiamo deciso di fare tutti insieme è stato di scegliere una foto, la nostra preferita, e di spiegare perchè. Senza pretese, solo per condividere. Se vorrete partecipare al nostro gioco, nei post seguenti troverete tutti i nostri racconti!

La bellezza e la meraviglia dell’arte sta anche in questo, nel dono della condivisione. Vi doniamo quindi le nostre considerazioni…invitandovi tutti a partecipare alle prosime visite culturali!